Nero come il carbone: il pane della discordia

Ultimamente si sta diffondendo parecchio il pane nero, ovvero impasto di lievito, acqua, sale e farina a cui viene aggiunto carbone vegetale. Lo propongono in tante versioni e parecchie forme ed è anche utilizzato come impasto per la pizza. Tale prodotto promette digeribilità a quelle persone che hanno problemi di gonfiori e meteorismo addominale e che non riescono a digerire il pane.
La truffa dentro il pane: Negli ultimi giorni gli agenti della Forestale, in Puglia, hanno denunciato 12 panificatori che all’impasto normale del pane aggiungevano un additivo, un colorante, l’E153.
Il presidente de l’Assipan, l’associazione dei panificatori, aveva a novembre, specificato la sua posizione mandando una comunicazione ufficiale per prendere le distanze da tale additivo. Secondo il presidente i panificatori devono astenersi dall’utilizzo dell’E153 (benzopirene, una sostanza derivante dalla combustione del legno), già vietato negli USA in quanto ritenuto cancerogeno. In Europa però non esistono studi in merito e sicuramente poche indicazioni al riguardo. A fine dicembre è arrivata la posizione del Ministero della Salute che non esclude l’utilizzo dell’E153, ma detta alcune regole.

È ammissibile la produzione di un “prodotto della panetteria fine” denominato come tale, che aggiunga agli ingredienti base (acqua, lievito e farina), tra gli altri, anche il carbone vegetale come additivo colorante e nelle quantità ammesse dalla regolamentazione europea in materia (Reg. CE 1333/08 All. II Parte E)

Questo però non vuol dire – specifica la nota del Ministero – che tale prodotto possa chiamarsi pane.
Dal punto di vista nutrizionale, il consumo quotidiano di carbone vegetale può essere pericoloso, in quanto è una polvere assorbente e porosa che ha la capacità di legare non solo gas, batteri, virus e tossine presenti nel tratto digerente, ma anche vitamine e sali minerali, nutrienti importanti nonché farmaci come antidiabetici, antinfiammatori, ormoni tiroidei, ecc…
Tutto ciò diventa importante come numeri se considerate che nella preparazione dei prodotti da forno si consiglia l’impiego di 10-15 g di carbone vegetale per kg di farina mentre d’altra parte, nel suo uso medico, la posologia è pari a 1-2 g al dì. Così mangiando pizza e panini si potrebbe assumere una quantità di carbone vegetale sovrapponibile a quella di 2-4 compresse. La differenze sta però nel fatto che quando comprate il vostro panino al carbone vegetale lo inserite nei pasti e non lontano dai pasti creando problemi di assimilazione vitaminica e farmacologica
Quindi se abbiamo problemi di gonfiore addominale invece che acquistare il pane nero che cosa possiamo fare? Se non vogliamo rinunciare al pane a pranzo o a cena possiamo orientarci su un pane azzimo, ovvero non lievitato o un pane senza glutine, di riso o di mais o meglio ancora il pane preparato in casa con pasta madre.
Per il problema del meteorismo il primo consiglio è quello di masticare a lungo e favorire la risoluzione del problema con una integrazione di pre e pro-biotici. Inoltre, per il gonfiore, consigliamo tisana al finocchietto e allo zenzero. Sarebbe opportuno modificare le nostre abitudini mangiando lentamente, introducendo un’adeguata quantità di acqua, praticando attività fisica, e scegliendo opportunamente gli alimenti ricchi di fibre, frutta e verdura.

Physicians’ Desk Reference (PDR) for Nutritional Supplements. I edizione italiana, CEC & Planta Medica, 2003. pp.101-103.

Greene S, Harris C, Singer J. Gastrointestinal decontamination of the poisoned patient. Pediatr Emerg Care. 2008 Mar; 24(3):176-86;
quiz 187-9.

J Clin Lab Anal. 2007;21(6):393-7.
The effect of yogurt on acetaminophen absorption by activated charcoal and burnt toast.
Dasgupta A1, Wells A.

Più verdura più buonumore. Un ottimo rimedio per prevenire la depressione

 

Gli studi scientifici confermano ed evidenziano che esiste una associazione tra qualità del cibo, umore e attività cognitiva ad ogni età.

Il cibo non è un combustibile che semplicemente fornisce energia per farci funzionare, ma è molto di più. Il cibo ci costituisce, cioè fornisce i materiali da costruzione e i pezzi di ricambio di tutti i nostri delicati e innumerevoli ingranaggi. Fornire diversi “pezzi” dello stesso tipo senza assicurarsi che le altre componenti dell’ingranaggio vi siano, giungano al momento momento giusto e nelle quantità adatte, non assicura un buon funzionamento complessivo. Il fai da te e gli integratori presi a seconda della moda del momento non possono portare e risultati validi.

Il metodico consumo di piccole porzioni di frutta e verdura, ripetute da 5 a 7 volte nell’arco della giornata può invece instaurare e mantenere le condizioni che favoriscono un buon tono dell’umore, contrastando contemporaneamente il decadimento della capacità cognitiva e il processo di invecchiamento del cervello. Ma non solo: uno studio di recente pubblicazione dimostra che la funzione antiossidante di frutta e verdura è indispensabile anche nella cura della depressione.

La depressione è associata alla carenza di alcuni trasmettitori dell’impulso nervoso come la serotonina; i farmaci antidepressivi spesso agiscono sulla produzione o sull’accumulo di questo neurotrasmettitore.

La produzione di serotonina dipende dall’introduzione, attraverso la dieta, di un precursore, che è il triptofano; in presenza di infiammazione cellulare, non tutto il triptofano viene avviato alla trasformazione in serotonina, ma viene destinato diversamente. Lo studio sembra dimostrare che nell’uomo la quantità finale di serotonina prodotta in vivo dipenda dunque dalla contemporanea assunzione di antiossidanti a funzione antinfiammatoria, da un buon apporto di carboidrati e da una flora intestinale in equilibrio.

Quindi, per combattere la depressione, non basta assumere triptofano, tipicamente attraverso il consumo di ceci, tofu, semi oleosi, cereali integrali, frutta secca e tacchino, ma contemporaneamente bisogna difendere il corretto processo che porterà all’equilibrio tra produzione, utilizzo e distruzione della serotonina: la protezione di questo delicato equilibrio si attua ad ogni età mangiando costantemente, nei diversi momenti della giornata, cereali integrali, verdura e frutta.

Mauro Mario Mariani Il TAO dell’alimentazione, Capponi Editore, 2015

Mood, food and cognition: role of tryptophan and serotonin, B. Strasser, J. M. Gostner, and D. Fuchs, Curr Opin Clin Nutr Metab Care 2016, 19: 55-61

Pappa Reale Bio

Pappa Reale Bio Bustine Orosolubili racchiude tutto il valore di questo prezioso prodotto dell’alveare in una forma di assunzione innovativa che si caratterizza per la praticità d’uso e per la sua gradevolezza. Pappa Reale Bio Bustine Orosolubili è adatto per tutte le età, in modo particolare per i bambini e garantisce, alle dosi consigliate, un apporto giornaliero corrispondente a 500 mg di Pappa Reale fresca.

Il metodo di produzione Biologico (Reg. CE 834/2007) assicura qualità e purezza della Pappa Reale fresca, prodotta in ambienti incontaminati e con tecniche apistiche naturali. La liofilizzazione, inoltre, consente di mantenere invariate le sue proprietà originarie senza aggiunta di eccipienti e ne permette il mantenimento a temperatura ambiente.

La nuova e particolare forma di assunzione in bustine monodose rende il prodotto pratico da utilizzare in qualsiasi momento della giornata anche senza la necessità di scioglierlo in acqua.

Presso la nostra Erboristeria troverai un formato speciale con il 30% di prodotto in omaggio!erboristeria-pisa-botanicum-panta-medica-0001

La Romagnola Bio – pasta biologica dal 1987

La Romagnola, sempre alla ricerca di nuovi prodotti, collabora da tempo con Ambrosialab srl, un laboratorio di ricerca nato da uno  spin-off presso l’Università di Ferrara, che si è trasformato in partner scientifico per un nuovo progetto di produzione di alimenti a basso contenuto di carboidrati.

Priorità di questa Azienda Artigianale, sono la scelta delle materie prime selezionate in modo accurato, cercando di valorizzare sempre di più il prodotto italiano e di perseguire l’obiettivo della pasta a Km. 0, ovvero il reperimento delle farine il più possibile a distanza limitata dalla zona di vendita e consumo.

Fondamentali sono poi la cura ed il controllo dei metodi di lavoro su tutta la filiera e la continua ricerca e sperimentazione.  “Semplicemente di qualità” è il motto de La Romagnola, per offrire al consumatore prodotti di altissima ricerca e qualità.

La Romagnola è una vera e propria tenuta agricola che si sviluppa su diversi ettari, immersa in una verde vallata trasformata in un oasi naturale, esaltata dal fascino di un lago situato al suo interno. L’area ospita lo stabilimento produttivo in cui sono attivi una linea di produzione, due essicatoi ed una linea di confezionamento e “La Casa sul Lago” B&B. Oggi, l’Azienda è anche meta turistico-vacanziera inserita nella Strada dei Vini e dei Sapori del Preparco Regionale del Delta del Po di Ferrara, dove è possibile soggiornare, fare gite in mountain- bike, organizzare piacevoli eventi per degustare i prodotti.

Scopri tutti i prodotti sul sito www.la-romagnola.it o passa a trovarci!

Immagine2

 

Conosci il metodo 3EMME?

È un percorso per migliorare il nostro stile di vita. Con l’aiuto del Metodo 3EMME riusciremo a realizzare una vera prevenzione della “sindrome metabolica” e dei danni da sovrappeso. Con il Metodo 3EMME ci proponiamo di ottenere un’a­zione di profonda disintossicazione, in modo da per­mettere all’intero organismo di riordinare e ripristinare tutti i suoi meccanismi energetici sottoposti ai vari stress della vita quotidiana.

Con le prime 3 fasi (RESET-RESTART-REMIX) del per­corso, della durata di 6 settimane si creano le basi per raggiungere uno stile di vita “ideale”(REGULAR), basato sul ritorno alla Dieta Mediterranea che porterà ad una diminuzione del peso corporeo nelle persone in so­vrappeso e obese, e il raggiungimento di un equilibrio psico-fisico anche nelle persone normopeso.

Dove necessario, verrà indicato l’uso di integratori ali­mentari mirati e formulati in maniera ottimale, nonché alimenti nutraceutici (*) fortemente bilanciati e di grande qualità. Il metodo è la naturale evoluzione di un percorso con molti anni di applicazione medica, opportunamente “semplificato”, ma non per questo meno efficace.
Il Metodo 3EMME è proposto con la massima tranquillità e sicurezza. Il risultato sarà: benessere, tono psico-fisico e peso ideale.

Il metodo 3EMME nasce dall’idea del Dott.Mauro Mario Mariani di sbloccare a livello metabolico l’organismo, riproponendo nuove abitudini salutari con la premessa–promes­sa di Mantenere la Massa Magra. Grazie alla consulenza di esperti nutrizionisti e a strumenti guida studiati per accompagnare le persone verso il raggiungimento di un nuovo stile di vita, si sviluppa attraverso l’applicazione di un piano alimentare associato all’utilizzo quotidiano di integratori nutrizionali specificatamente formulati per garantire una reale diminuzione dei chili in eccesso e un perfetto stato di salute, lontano dai rischi che le varie diete “fai da te” possono causare.

Chiedici maggiori informazioni in negozio o per un primo approfondimento leggi la Brochure Metodo 3 Emme!

(*)“Nutraceutico” è il termine con cui si indica una sostanza alimentare per le sue proprietà funzionali, si colloca al confine tra alimento e farmaco. Le proprietà funzionali di un alimento risultano benefiche sulla salute indipendentemente dal valore nutrizionale della sostanza migliorando una specifica funzione fisio­logica o riducendo il rischio di una malattia.

Baule Volante, prodotti bio

Baule Volante propone un assortimento di 2000 referenze, di cui oltre 500 a proprio marchio, tra alimenti biologici freschi e confezionati, prodotti certificati per la cura della persona e per la pulizia della casa.
La severa selezione delle materie prime, la costante ricerca di nuovi prodotti e la coerenza con le scelte biologiche hanno permesso all’azienda di diventare un punto di riferimento per tutto il mondo del biologico e sinonimo di affidabilità e qualità.

Mangiare “bene” secondo noi significa far coincidere gusto, salute e scelte consapevoli.

Per farlo occorre essere informati: ci proponiamo di fornire quindi informazioni,  approfondimenti e risposte sui temi dell’alimentazione sana, naturale e biologica.

Scopri tutti i prodotti Baule Volante sul sito internet www.baulevolante.it

 

MANGIARE BENE PER STARE BENE

Per vivere abbiamo bisogno di nutrirci e quello che introduciamo nel nostro organismo influisce sul nostro benessere.

Spesso sono la natura e il nostro stesso corpo a suggerirci le regole per vivere bene e alimentarci correttamente. Mangiare nelle giuste dosi, masticare bene, bere poco durante i pasti e mangiare in stato di tranquillità. Farsi guidare dal mutare delle stagioni nella scelta dei cibi. Soddisfare non solo la fame, ma anche i sensi attraverso l’armonia dei sapori, degli odori e dei colori, per garantire il benessere psico-fisico. Accompagnare la corretta alimentazione con una adeguata e costante attività fisica.

Gli studi dimostrano che gli alimenti biologici forniscono maggior apporto di nutrienti rispetto a quelli di agricoltura tradizionale e oltre che all’organismo fanno bene al palato rispettando il naturale sapore dei cibi. Ogni alimento superfluo o artefatto chimico, ogni preparazione troppo elaborata, comporta una notevole spesa di energia da parte del nostro apparato digerente, che affatica il corpo e la mente. Per questo è importante cibarsi di alimenti semplici e naturali, che proprio attraverso la genuinità e la qualità ci propongono un giusto equilibrio.
Presso l’Erboristeria Camomilla troverai numerosi prodotti “Fiore di Loto”, prodotti sani e genuini adatti a specifiche  esigenze.

Goji: dal Tibet, una grande tradizione per una naturale longevità

goji_evidIl Goji, detto anche “albero della vita“, è un arbusto che cresce spontaneamente ad alta quota nelle valli Himalayane, della Mongolia e del Tibet e, in particolare, è coltivato nella regione del Ningxia, dove il clima ideale e la presenza del grande fiume Giallo creano un habitat perfetto che permette di raccogliere da questa pianta i frutti più pregiati di tutta l’Asia, indicati come “diamanti rossi”.

L’utilizzo delle bacche di Goji nella Medicina Tradizionale Cinese è antico e documentato fin dal 200 d.C. Il Goji è ritenuto infatti una naturale soluzione per una lunga vita di benessere e per “rigenerare l’essenza vitale”. Questi piccoli frutti rossi che aiutano l’organismo contengono molti principi attivi, tra i quali è stata evidenziata soprattutto la componente polisaccaridica.

Per questo Erbamea ha scelto di utilizzare un estratto secco di bacche di Goji, titolato e standardizzato nel suo elevato contenuto in polisaccaridi per formulare questo integratore alimentare.